Sembra che siamo a un punto di stallo per quanto riguarda la resa dei suoli, e che i fertilizzanti non siano più efficaci. Un rapporto FAO[1] appena pubblicato afferma che la possibilità di nutrire il pianeta in futuro è a rischio. Dal 1990 la crescita media della resa di riso, mais e grano è stata dovuta principalmente a miglioramenti nella produttività e nell’efficienza nell’uso delle risorse.

Il suolo è un insieme estremamente complesso di componenti viventi e non viventi (ancora quell’eco-sistema): gli organismi che vanno da pochi micron a diversi centimetri sono comunità ben specifiche di ciascun suolo anche tipiche della stagione in cui ci si trova[2]. Mi è piaciuta molto questa un’immagine della catena alimentare del suolo che ho modificato da un’immagine dell’USDA:

La biodiversità del suolo, ancora poco conosciuta in realtà, influenza le dinamiche delle comunità di vegetali e i cicli biogeochimici[3][4]. Gli organismi presenti nel suolo sono fondamentali per determinare l’efficienza in agricoltura. Favorendo un suolo ricco e con abbondanti organismi si possono aumentare i raccolti riducendo l’impatto ambientale, in quanto possono essere ridotti i fertilizzanti e le perdite di nutrienti. D’altra parte la riduzione della complessità biologica in agricoltura è associata con l’aumento di infestanti, accentuando l’importanza della diversificazione dei sistemi agricoli per aumentarne i profitti, la sicurezza e la sostenibilità.

Diverse sono le idee sulle alternative per migliorare la resa. Uno scienziato dell’USDA ritiene che l’applicazione di fertilizzanti, erbicidi e diserbanti abbia sì aumentato le produttività ma anche impattato il suolo eliminando quegli organismi, come funghi e batteri che creano la materia organica.

Un altro articolo che ho appena finito di leggere cita proprio l’articolo che quantifica le rese delle diverse coltivazioni di cui raccontavo nel post precedente: lo cita tra le prove che lo hanno portato a domandarsi se sia vero che l’agricoltura industriale è il modo migliore e più efficiente per nutrire il pianeta[5]. La meccanizzazione e l’uso di fertilizzanti e pesticidi hanno sì rivoluzionato l’agricoltura, ma hanno anche fortemente impattato e degradato il suolo[6]. Nel ricercare la risposta, l’autore scopre che sia in USA sia in altre parti del mondo ci sono moltissimi agricoltori che utilizzano tecniche innovative, principalmente per restituire al suolo la sua fertilità: hanno smesso di arare, diminuendo il disturbo al suolo, hanno piantato piante di copertura, soprattutto legumi e utilizzano un elevato numero di rotazioni. La combinazione di queste tecniche migliora il ciclo dei nutrienti, aumenta la materia organica, migliora la struttura del suolo e fa diminuire l’erosione superficiale.

 

Nel frattempo, se vogliamo giocare un attimo a capire che suolo abbiamo davanti possiamo utilizzare i suggerimenti della società americana per la scienza del suolo per capire quanta materia organica, quanta argilla e l’acidità del nostro suolo utilizzando i nostri occhi, le nostre mani, un po’ d’acqua e una cartina tornasole!

 

[1] FAO, The future of food and agriculture – Trends and challenges. 2017: Rome. http://www.fao.org/publications/card/en/c/d24d2507-41d9-4ec2-a3f8-88a489bfe1ad/

[2] Orgiazzi, A., Bardgett, R.D., Barrios, E, et al., ed. Global Soil Biodiversity Atlas. ed. P.O.o.t.E. Union. 2016, European Commission: Luxembourg. http://bookshop.europa.eu/en/global-soil-biodiversity-atlas-pbLBNA27236/

[3] Bardgett, R.D. and W.H. van der Putten, Belowground biodiversity and ecosystem functioning. Nature, 2014. 515(7528): p. 505-511. http://dx.doi.org/10.1038/nature13855

[4] de Vries, F.T., et al., Soil food web properties explain ecosystem services across European land use systems. Proceedings of the National Academy of Sciences, 2013. 110(35): p. 14296-14301. http://www.pnas.org/content/110/35/14296.abstract

[5] Montgomery, D.R. (2017) Healthy soil is the real key to feeding the world. The Conversation. https://theconversation.com/healthy-soil-is-the-real-key-to-feeding-the-world-75364

[6] Montgomery, D.R. (2017) Make our soil great again. The Conversation. https://theconversation.com/make-our-soil-great-again-76242

Annunci